La gamification funziona davvero? Tutta la verità

Ed eccoci ad un altro quesito che spesso viene posto da chi non conosce alla perfezione i processi di gamification: la gamification funziona davvero?

Partiamo con il concetto che la gamification permette di adottare comportamenti che poi diventeranno abitudini a lungo termine.

Aiuta a capire che seguire un certo tipo di attività strutturate in maniera coerente, non solo rende più facile lo svolgimento del compito in sé stesso, ma anche permette di aumentare i risultati.

Grazie agli strumenti di gamification il lavoratore, sia esso impiegato o un sales con un ruolo strategico, potrà facilmente rendersi di quanto i suoi obiettivi possano effettivamente migliorare, grazie alla possibilità di accedere a sistemi oggettivi di misurazione delle proprie perfomance.

Alla base c’è, dunque, una strategia ben misurata di gamification che, una volta applicata, permette non solo di prendere il lavoro in maniera più divertente e di viverlo in modo meno pesante.

Ma cosa c’è alla base della gamification? La gamification si ispira alla teoria dei nudge (Nudge Theory) concetto che, nel campo dell’economia comportamentale e della filosofia politica, sostiene che sostegni e suggerimenti o aiuti indiretti agiscano come rinforzi positivi e che possano influenzare l’esito delle azioni e delle decisioni.

In sostanza la gamification si utilizza per incentivare certi comportamenti, che possono essere nell’interesse di:

  • chi mette in atto la dinamica (ad esempio il datore di lavoro)
  • del singolo, aiutando le persone a realizzare azioni che o non si fanno o che i più fanno controvoglia
  • della collettività, aiutando le persone a tenere comportamenti a vantaggio della società in generale e del pianeta.

La Teoria dei nudges stabilisce anche che il modo in cui si influenzano le persone non deve escludere categoricamente la scelta di altre opzioni: si punta quindi a realizzare azioni che abbiano il fine di migliorare il benessere di chi è coinvolto orientando le decisioni, ma lasciando la piena libertà di scelta .

Ma esistono altre dinamiche psicologiche a cui la gamification obbedisce: per esempio la gratificazione immediata permette di constatare come per alcuni soggetti un incentivo a breve termine sia molto più potente di uno a lungo termine, benché quest’ultimo sia più sostanzioso.

Questo particolare è molto importante per definire quale tipo di premio va abbinato alle persone in ambito lavorativo o scolastico, affinché esso sia efficace. 

Qualunque sia il meccanismo di gioco e i premi che si introducono, è importante calibrare con attenzione: i game designer di oggi impiegano le risorse più avanzate, tra cui machine learning ed intelligenza artificiale, per far sì che i giochi che offrono al mercato siano avvincenti, coinvolgenti e  redditizi.

Quindi alla domanda la gamification funziona davvero, la risposta è che, come in tutti gli ambiti, è necessario definire con attenzione gli ambiti e i soggetti su cui definire la strategia

 

Please follow and like us: